Monsignor Ferraresi

Aggiungo qualche ricordo personale: prima di essere Monsignore, Don Guerrino
(sembra a seguito della vicenda Ercolei) fu “esiliato” nella parrocchia
di San Giovanni che restaurò con la sua madonna all’esterno e con la riproduzione in legno della basilica di S.Pietro, opera del falegname Cavallini che allora lavorava nel Borgo.

Nel tempo libero capitava spesso a casa nostra, specialmente a maggio, per vedere la fioritura delle rose di cui mio nonno aveva
la passione e fu per quella confidenza che gli chiese una vetrinetta
con ante scorrevoli per custodire i primi reperti del Neolitico che
stavano emergendo nell’area della Fornace Grandi.

Si può dire quindi che il primo nucleo del museo Archeologico sia
partito dal negozio di mio padre! – See more at:
http://www.bondeno.com/2014/05/24/identita-paesana-2/#sthash.iB2WlmpJ.dpuf