Diplomacy

L’articolo dedicato lo trovate nel mio blog https://archeoludica.com/2013/09/08/diplomacy/, ma anche su wikipedia

https://it.wikipedia.org/wiki/Diplomacy : Nell’ambito della teoria dei giochi, Diplomacy è un gioco a informazione completa, statico, non cooperativo e, dopo che tutti i centri liberi sono stati presi, un gioco a somma zero, quindi soggetto all’ottimo paretiano e perciò non presenta l’equilibrio di Nash.

Quello che qui ci interessa è il fatto che il meccanismo di gioco mi è poi servito per il gioco didattico “Bisanzio”(https://it.scribd.com/document/61784988/Bisanzio) e anche per numerose partite nei pomeriggi al liceo; addirittura uno dei giocatori se ne era costruito uno in cartone e pedine.

Adesso si trova in inglese su Amazon e la versione italiana (usata) su ebay https://www.ebay.it/itm/DIPLOMACY-Mondadori-Giochi-1-ed-1982-OTTIMO-Diplomazia-Strategia-guerra-/363243523163

NOTA: abbiamo fatto la scansione in italiano delle regole su scribd https://it.scribd.com/document/501930137/Diplomacy

dall’originale Avalon Hill

Il territorio

per capire questo post bisogna risalire al 1978 https://terzapaginaweb.wordpress.com/2021/04/01/bolelli-film/

nel filmato Bolelli accenna a un topos di moda allora: lo studio sociale del territorio (quello in cui io, non a caso, mi stavo laureando); però intanto, godendo del fatto che avevo la delega per la gestione della sede staccata del liceo invitai una mia ex allieva laureata in matematica il cui ragazzo era in un collettivo che tenne una lezione in proposito in una classe di Bolelli.

Purtroppo non so nulla dell’esito dell’esperimento e mi dispiace ancora di più di avere perso ogni traccia di lei, che ricordo come una delle mie più brillanti allieve

Feste danzanti

festa di primavera 1966

In questi giorni è stata pubblicata su Facebook (il primo da destra è Corrado Padovani, siamo stati compagni di classe; quello con la tromba è Alfio Bosi, ora pasticciere a Bondeno).

Per quel che mi riguarda la mia unica esperienza di ballo in sala fu l’8 dicembre del1968: lo ricordo bene coincise con i disordini a Milano per la inaugurazione alla Scala della stagione lirica.

La nostra invece fu una serata tranquilla, nessun problema per il vestito nuovo comprato da Smolari per l’occasione

Alma confezioni

alma_gina

Per questa storia servono un paio di riferimenti cinematografici al mondo della moda negli anni ’50, tipo “le amiche ” di Antonioni o Donatella di Monicelli (con Elsa Martinelli): a Roma in quegli anni fiorivano case di moda perché i vestiti le facevano le sarte.

Una di queste era quella al centro della foto (Alma, la maggiore di 4 sorelle con il marito dietro e i due figli); le cose andavano bene, ma il troppo lavoro le causò un ictus; quella sulla destra è mia madre, la minore delle 4.

Nel 1925 vivevano ancora in campagna, qui con le gemelle Aura e Aurora (entrambe poi infermiere)

 

I giorni cantati

 

Paolo Pietrangeli

 

Nel 1979 usciva l’omonimo film di Paolo Pietrangeli (visto ieri su Rai Storia); quello stesso ottobre iniziava le sue trasmissioni Radio Alto Ferrarese e a Francesco Mattioli sembrò naturale dare alla sua trasmissione di cantautori e musica italiana questo titolo.

Poi Francesco partì per il servizio militare, nel frattempo capitò a Bondeno il cantautore in persona che si offrì per esibirsi privatamente per pochi intimi invitati nella discoteca (chiusa) sottostante alla radio.

Fu così che, con una trentina di persone, facemmo cerchio con le seggiole per ascoltarlo cantare accompagnandosi con la chitarra

[…]Se anche canzoni come Nina (1966) di Gualtiero Bertelli o come Cara moglie di Ivan Della Mea furono assai cantate, vero inno del ’68 fu però Contessa di Paolo Pietrangeli, uno studente comunista lettore di “Classe Operaia” e di “Operai e capitale”, che la scrive nel maggio 1966 durante l’occupazione dell’Università di Roma seguita all’uccisione dello studente Paolo Rossi da parte dei fascisti, avvenuta il 27 aprile. E la scrive in una notte, prendendo spunto dalle conversazioni che una certa vecchia borghesia faceva a proposito di quell’occupazione e di pretese orge sessuali e dalla cronaca di un piccolo sciopero avutosi a Roma in una fabbrichetta, dove il padrone, certo Aldo, aveva chiamato la polizia contro i suoi operai che facevano picchettaggio.” (dal sito internet https://www.antiwarsongs.org/canzone…. )

Tommaso Poluzzi

Ai fratelli Poluzzi è stato anche dedicato un libro per la loro attività di “vetturali” a Bondeno.

Erano quelli di cui si serviva mio padre (che non aveva l’automobile) anche in occasione della gita di ferragosto.

L’ultimo fratello sulla destra, contrariamente alla tradizione di famiglia, faceva il dentista; ancora adesso la targhetta nello studio del Dott.Molinari riporta il suo nome.

Centro Culturale 2000

Costruito nel ventennio,  all’inizio del viale della stazione, nel dopoguerra fu sede di un bar (nell’ala destra), sede del  PCI e del PSI (nel seminterrato) e biblioteca comunale (ala sinistra) e auditorium comunale (sala 2000).

Io lo frequentai negli anni ’70 assieme a Romano Gallerani, Gino Agnelli, Tiziana Baraldi sotto la direzione di Maurizio Aleotti (assessore alla Cultura del Comune di Bondeno).

Oltre alla stagione teatrale, organizzammo conferenze, audizioni musicali, cineforum.

Metano e tennis

gianna giatti e laura pinca

Secondo gli annali del Tennis club, uno dei luoghi deputati per questa attività fu l’area Grandi dismessa dopo la cessazione dell’attività estrattiva del metano (dopo il ponte “Rana”, a sinistra).

 

 

 

 

 

Chinino di Stato

Ancora quando mio padre aveva la tabaccheria era obbligatorio tenere una scorta di chinino per la malaria e adesso si scopre che probabilmente andrebbe bene anche per il Covid-19:

Mentre gli italiani muoiono in massa, possiamo porci qualche domanda?

Come mai abbiamo il più alto tasso di mortalità per milione di abitante, “da coronavirus” al mondo?

Dallo schema sotto scopriamo anche con sgomento che i primi casi dopo la Cina non si sono registrati in Italia ma negli USA (20/1), Francia (23/1) e Germania (26/1). Quindi tutta la campagna che ci ha designato come untori, partita da Francia e USA, cui prodest? E soprattutto perché?

 

Si moltiplicano sul net le testimonianze come questa, l’unico protocollo adottato da Francia e USA, e che probabilmente provoca così pochi decessi in Germania (visto che l’azienda che produce il farmaco è la tedesca Bayer?):

Globalizzazione

Come ho cercato di rendere evidente su Bondeno.today (https://bondeno.wordpress.com/2020/03/20/ghost-town), il “progresso” ha sradicato i cittadini dal loro luogo di nascita facendogli mancare le fonti di sostentamento, delocalizzando la produzione.

Ad integrazione di quel post vorrei ricordare che i residenti di San Giovanni alta che non gestivano in loco le attività commerciali summenzionate erano solo tre: una maestra elementare ( che insegnava a Bondeno) una commessa di un negozio di abbigliamento (sempre a Bondeno) e un operaio della Montecatini di Ferrara.

San Giovanni
civico 23

Comunali 1999

Snap_2015.06-600x229

Come si può vedere dalla tabella sopra, nel 1999 (l’anno della “svolta”)la Lega non si presentò a Bondeno: ricordo infatti che tale volontà ci fu precisata, in un incontro con un suo rappresentante ferrarese, il 24 settembre 1997, quando, io e altri, si pensava di presentare una lista civica capitanata da Raffaele Alessandri (ex-socialdemocratico).
Poi non se ne fece nulla, anche perché stava nascendo Forza Italia con Arnaldo Aleotti, che presentò poi Paolo Malagodi (di recente deceduto) come candidato Sindaco, che perse, per pochi punti, da Davide Verri.

Edicola

edicola
Il chiosco di piazza Garibaldi negli anni 50 … Iris è al centro con la bambina, di fianco a lei il fratello cieco Ermete

Alla storica edicola di Iris Bernagozzi, di recente scomparsa, abbiamo già dedicato un servizio fotografico, questa foto invece è riferita a quella della sorella Bruna (pubblicata da Marco Dondi) che era in piazza Garibaldi.

Ricordo che ero andato a cercare Topolino e Bruna mi aveva fatto entrare nell’edicola mentre mandava a recuperarlo dall’Iris; era freddo fuori, ma aspettando ho letto almeno altri tre giornalini che non potevo permettermi di acquistare!

Ricominciamo dal futuro

L’ultima manifestazione che abbiamo organizzato come Unione Associazioni Culturali a Bondeno, dopo il terremoto del 2012 di cui trovate tutte le notizie nel sito ambientefuturo.info

La totale assenza di interesse, anche delle istituzioni, ci ha confermato lo stato comatoso di Bondeno,  che si sta avviando verso la sua estinzione.

Invitiamo comunque le persone di buona volontà a sfogliare le pagine del sito che volutamente sono pensate sequenziali e senza distrazioni pubblicitarie.

I video che avevamo girato per documentare gli interventi sono stati rimossi da Vimeo che è diventato un sito a pagamento; rimane il PDF del programma e la documentazione fotografica.

img_0425
Lisa Bortolotti presenta Arcipelago SCEC

 

Cyberfest 99

Proseguiamo la rassegna dei filmati realizzati in occasione della seconda edizione del Cyberfest,  qui sul palco del cinema Argentina (demolito nel 2004) vedete i relatori del convegno di sabato 20 novembre: Franco Berardi (lo stato dell’arte della cybercultura); Alessandro Ludovico (direttore di Neural); Nicola Baldin (la fotografia digitale).
Accolto dall’applauso il prof.Girolamo de Michele che aveva invitato Berardi e anche alcune sue classi di Argenta, poi Paolo Giatti organizzatore del festival e il prof.Padovani (mio collega prematuramente scomparso) che colgo qui l’occasione per ricordare.